TR3VOR Food Truck – Chef Trevor Appignani: il primo ed unico Street Food Gourmet del Canton Ticino


TR3VOR Food Truck, l’alta cucina “on the road” – di Alan Jones

Oggi vi parlo di uno dei miei posti del cuore, completamente diverso dai ristoranti stellati di cui vi parlo solitamente… Sto parlando del Food Truck del mio amico Trevor Appignani che prepara ciabatte gourmet deliziose per i suoi fortunati clienti tra i quali ci sono anch’io.

Quella tra lo chef Trevor, giovane istintivo e perfezionista, e la cucina è una storia d’amore vera, per lui il cibo è emozione, creatività e vita.

Trevor ha frequentato le cucine di alcuni dei più importanti alberghi e ristoranti d’Europa dall’età di quindici anni,  cucinare è ciò che più gli è naturale. La sua filosofia di cucina si basa innanzitutto sulle nuove scoperte, sull’approfondimento nella conoscenza dei prodotti (dalla ricerca alla coltivazione e alla conseguente lavorazione), perché solo con la conoscenza e la qualità dei prodotti si riesce a raggiungere un risultato unico che permetta di trasmettere emozioni a tutti coloro che provano le sue creazioni.

Il suo è sì cibo da strada, ma con lo spirito e l’attitudine di un grande ristorante, perché il suo scopo è quello di portare le tecniche, i prodotti e l’esperienza dell’alta gastronomia in strada, al servizio di tutti.

“Quando ho iniziato a progettare questa mia idea”, spiega lo Chef sul suo sito, “volevo innanzitutto che riuscisse a trasmettere una parte di me. Avevo voglia di condividere 17 anni della mia vita… 17 anni in cui ho creato qualcosa di mio, sfruttando insegnamenti, momenti di vita, successi, delusioni e tutto ciò che mi ha fatto diventare la persona e il cuoco che sono. In poche parole ho messo il mio amore, la passione e l’esperienza su quattro ruote, con l’intento di divertirmi e far divertire la gente regalando qualcosa di unico e particolare.
Gli ingredienti sono alla base di tutto, saperli selezionare, conoscerli nei minimi dettagli, dalle proprietà organolettiche alle più disparate tecniche di preparazione, rende possibile ottenere un risultato perfetto.


Presto particolare attenzione all’agricoltura biologica e sinergica. Ho bisogno che tutto ciò che proviene dalla terra sia cresciuto con il massimo rispetto per l’ambiente e di conseguenza per il prodotto stesso. Solo con il giusto amore e la giusta energia si riesce a ottenere il massimo da un prodotto.
Le carni sono selezionate esclusivamente da allevamenti svizzeri, eccezion fatta per poche tipologie di prodotti non reperibili in Svizzera, ma si tratta di una piccola parte. Cerco di lavorare quanto più possibile con piccoli macellai della zona.
Per il pesce occorre avere una persona della quale fidarsi ciecamente. La ditta con la quale collaboro già da diversi anni, ancor prima di iniziare questa mia nuova avventura, è sempre stata il mio punto di riferimento per quanto riguarda i prodotti ittici.
Le bevande che propongo si differenziano in due categorie: quelle che acquisto, certificate biologiche di produzione svizzera da me selezionate, e quelle che preparo io personalmente facendo delle infusioni, come per esempio dei tè a base di frutta, erbe e fiori oppure quelle fermentate come il kefir d’acqua o il kombucha”.

Trevor è nato e cresciuto a Locarno e si è formato come cuoco a Tenero. Si è poi trasferito a Londra dove ha avuto la sua prima importante esperienza all’Hilton, esperienza alla quale sono seguite diverse stagioni al Castello del Sole di Ascona, condite da un quarto posto ai Mondiali per cuochi di Francoforte. In seguito ha avuto ancora le esperienze al Park Hotel di Vitznau e, soprattutto, in Danimarca a Copenhagen, al ristorante Geranium, dove ha lavorato a fianco di cuochi di fama internazionale.
Dopo 17 anni ha deciso però di mettere da parte la carriera e dai fornelli del Geranium di Copenhagen è passato al bancone del suo furgoncino che gira il Ticino per proporre l’alta cucina sotto forma di ciabatte gourmet alla portata di tutti.

Il quasi 35enne di Moghegno. in Valle Maggia, propone da alcuni anni l’alta cucina “on the road” e questa scelta è nata soprattutto dall’esigenza di poter stare vicino alle sue due bimbe Megan (7 anni) e Mia (6 anni) che altrimenti avrebbe continuato a trascurare.

Trevor racconta infatti: “Facevo la spola tra il Ticino e le località in cui mi trovavo a lavorare. Uno stress incredibile. E così mi sono detto che avrei dovuto tornarmene a casa. Ma non me la sentivo di aprire un ristorante normale. Ho scelto questo strano tipo di “street food”, in questo modo avrei reso popolare un tipo di cucina che solitamente è destinato a pochi eletti”.

Trevor è in continua fase creativa, il suo menu cambia tutte le settimane e, ad eccezione del pane, prepara tutto lui stesso, molto spesso lavorando di notte per non rubare troppo tempo alle sue bimbe.

Fortunatamente la sua compagna Eva Martinez lo ha aiutato fin dall’inizio in questa sua avventura ed è una parte fondamentale ed importantissima di questo progetto. Eva è infatti l’ideatrice e cofondatrice del brand “TR3VOR” e in passato ha avuto diverse esperienze lavorative nell’ambito dell’alta gastronomia.

Adora l’arte sotto ogni sfaccettatura ed il suo lato artistico si rispecchia in ogni piccolo particolare. Oltre ad essere la compagna di Trevor, il suo ruolo è quello di essere responsabile di tutta la parte “street food” (insieme a Trevor), di coordinatrice generale del truck e di responsabile della contabilità. Inoltre contribuisce a dare una grandissima mano a Trevor prima, durante e dopo il servizio, perché non dimentichiamoci che prima del servizio c’è sempre tutta la parte relativa alla preparazione, mentre alla fine del servizio c’è ancora tutta la parte relativa alla pulizia del truck.

Trevor recentemente ha inoltre deciso di ampliarsi ed ha infatti appena assunto un gastronomo, Enrico Micioni, e di una persona che si occupa del marketing/comunicazione e di tutto il management, Gabriele Galli.

Enrico si è laureato all’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo in Piemonte ed è un apicoltore, un ricercatore e un bricoleur. L’amore per la cucina lo accompagna sin da piccolo e lo porta a porre molta attenzione nei riguardi della materia prima in tutte le sue sfaccettature e quindi nella sua bontà, salubrità e correttezza sociale.
Ha avuto diverse esperienze lavorative in ambito ristorativo (cucina e servizio), nel settore primario (allevamento e agricoltura) e nel settore sociale (Maestro Socio Professionale).
Il suo ruolo all’interno di TR3VOR è quello di occuparsi della ricerca e dello sviluppo, nonché del rapporto con i fornitori e i clienti.

Gabriele invece si è diplomato in Turismo e Management presso la Scuola Superiore Specializzata Alberghiera e del Turismo di Bellinzona. È un assiduo viaggiatore e colleziona esperienze professionali e di vita in vari campi in giro per il mondo. Ha avuto diverse esperienze lavorative in ambito di eventi, digital marketing, vendita ed accoglienza.
Il ruolo di Gabriele è invece quello di responsabile della gestione del marketing e della comunicazione (MCM), del rapporto con i clienti, dello studio e del coordinamento delle attività aziendali e della strategia da adottare.

Tutti questi cambiamenti ci fanno capire che la realtà TR3VOR sta crescendo in tutti i sensi, infatti a partire da quest’anno si vorrà dare sempre più spazio ed importanza sulla possibilità di organizzare cene aziendali personalizzate, cene private a domicilio, servizi di catering su richiesta e molto altro ancora!
Questo sarà quindi un anno ricco di sorprese e ci saranno davvero molte novità! Ed io sono molto curioso di scoprirle!

Al momento Trevor ha 3 tappe fisse settimanali: la prima è il Giovedì a pranzo dalle 11.00 alle 13.30 in Piazza Grande a Locarno, la seconda è il Venerdì a pranzo a Lugano in Piazzetta San Rocco dalle 11.00 alle 13.30 e la terza e ultima e ha Cadenazzo in Via Stazione 10 il sabato sempre a pranzo dalle 11.00 alle 13.30.

Ho avuto la fortuna di conoscere Trevor quando si è finalmente deciso ad aggiungere una tappa fissa anche a Lugano poco meno di due anni fa e da allora non riesco più a farne a meno, perché le sue straordinarie ciabatte gourmet creano davvero dipendenza… Una volta che ne provi una, hai sempre voglia di provarne una nuova e questo é possibile perché, oltre alla bontà e alla qualità delle sue ciabatte, come ho già detto prima, lui cambia il menu tutte le settimane. All’inizio infatti io prendevo tutte le settimane il suo marchio di fabbrica, la sua ciabatta classica e perfetta che non cambia mai e che rimane sempre nel menu, ossia la ciabatta alla tartare di manzo (CH), burro montato, rucola, vinaigrette al balsamico e crumble di cipolla. Sempre spettacolare!

Poi, fortunatamente, mi sono deciso a provare qualche altra ciabatta e ho fatto bene in quanto sono sempre tutte una grandissima sorpresa. Sempre equilibrate, gustose e impreziosite da ingredienti di altissima qualità che completano perfettamente la base di carne o di pesce. La proposta settimanale, oltra alla classica ciabatta alla tartare, prevede infatti sempre una ciabatta con pesce e una con carne. Per i vegetariani invece c’è sempre la possibilità di scegliere il suo cofanetto vegetariano, anch’esso sempre presente nel menu. Ecco un esempio di quello che potreste trovare nel cofanetto vegetariano: orzo, crema di mandorle, condimento di lenticchie rosse e mano di Buddha, cavolo rosso fermentato e selezione di insalatine.

Io cerco sempre di provare ciabatte nuove tutte le settimane e sono sempre una piacevole sorpresa ed un’esplosione di sapori sempre perfettamente bilanciati ed equilibrati.
A completare il menu ci sono sempre 3 golosi dessert diversi che cambiano tutte le settimane. Ad esempio settimana scorsa i 3 dessert proposti erano: crema al mascarpone e conserva di mirtilli selvatici al timo oppure mousse al frutto della passione, cialde rotte alla nocciola e fiori eduli della Valle Maggia oppure ancora Yogurt alla scorza d’arancia e vaniglia, frumenti, psillio, orzo e noci.

Per me quindi ogni venerdì è festa in quanto so già che a pranzo potrò gustarmi una delle fantastiche ciabatte gourmet di Trevor. Il menu viene infatti pubblicato sul suo sito Facebook e sulla sua pagina Instagram ogni settimana il mercoledì e quindi posso farmi un’idea della ciabatta che mi piacerebbe provare e scrivo subito a Trevor per prenotare sia la mia che quella della mia compagna Raffaella, perché le sue ciabatte vanno a ruba e se non le prenotassi al mio arrivo al suo Food Truck rischierei di non trovarle più, il che sarebbe una tragedia!

A proposito di cambiamenti e di grandi novità, da qualche giorno a questa parte Trevor ha anche creato un App che si può scaricare sul proprio cellulare sulla quale trovate tantissime informazioni interessanti con i menu settimanali sempre aggiornati e dalla quale si possono comodamente ordinare direttamente le sue ciabatte.

In questi quasi due anni, oltre ad essere diventati amici, ho potuto provare davvero tantissime ciabatte gourmet diverse di Trevor e questa è una selezione delle mie preferite (anche se scegliere non è affatto facile dato che sono tutte eccezionali) e anche di alcuni dessert…

Ciabatte:

Ciabatta con tartare di manzo (CH), burro montato, rucola, vinaigrette al balsamico e crumble di cipolla

Ciabatta con carpaccio di rana pescatrice, avocado, finger lime, crescione d’acqua e panna acida

Ciabatta con coregone del Lago Maggiore marinato e leggermente affumicato, 6 radici in 6 consistenze diverse (daikon in compressione, ravanelli sotto ghiaccio, carote arrosto, rapa sous vide all’olio d’oliva, chips di barbabietole croccanti, crema di pastinaca e di scorzonera) e emulsione di aceto di mele

Ciabatta con carpaccio di branzino, crema agli anacardi, polline di finocchietto selvatico, spinaci novelli, maionese all’aceto di pomodoro

Ciabatta con coregone del Lago Maggiore, crema di patate e scalogno, achillea millefoglie, cetriolo, dressing allo yogurt

Ciabatta con lucioperca (CH), soffice di patate, cavolfiore arrostito, emulsione allo yuzu

Ciabatta con pancia di maialino da latte (CH) cotta nel fieno Bio di Moghegno, 3 consistenze di mais, emulsione alla senape

Ciabatta con tagliata di palamita alla griglia, insalata tiepida di pak-choi, alga dulce, gomasio e vinaigrette al gelso

Ciabatta con crudo di cernia, crema di cannellini all’olio evo, puntarelle e spinacini, maionese all’acqua di mare

Ciabatta con tartare di manzo (CH) “Tasty”, uovo 63 gradi, pancetta, iceberg, vinaigrette al balsamico

Ciabatta con salmone scozzese marinato e leggermente affumicato, crema di mandorle, condimento di lenticchie rosse e mano di Buddha, selezione di insalatine

Ciabatta con stracotto di cinghiale al Primitivo di Manduria, cavolo rosso marinato, vinaigrette ai mirtilli, emulsione alle castagne arrosto

Dessert:

Panna cotta con mirtilli selvatici, semi e petali di girasole


Mousse all’uva americana, briciole di biscotto e noci di pecan


Soffice al rabarbaro e vaniglia con composta di rabarbaro


Crumble di mele Boskoop


Cheesecake alla vaniglia e frutto della passione


Mousse di pere con ganache di cioccolato e mandorle


Mousse al quark, anacardi al miele, ribes rossi

In conclusione, se tra giovedì e sabato siete in giro per il Ticino e passate in zona TR3VOR Food Truck, vi consiglio caldamente di fermarvi per provare una delle sue strepitose ciabatte, rimarrete sicuramente soddisfatti e conquistati come lo sono stato io fin dall’inizio. Oppure noleggiatelo per i vostri eventi privati, i vostri ospiti ne saranno sicuramente entusiasti!

Grazie di tutto Trevor e alla prossima…

(Alan Jones)

Commenti Facebook. Per commentare devi essere connesso con Facebook